Il RAVN-X è un nuovo aereo autonomo progettato per il lancio di piccoli satelliti

Il RAVN-X è un nuovo aereo autonomo progettato per il lancio di piccoli satelliti

Negli ultimi vent’anni, uno dei maggiori sviluppi nel campo dell’esplorazione spaziale è stata la crescita dell’industria spaziale commerciale (aka. NewSpace). A seguito della crescente domanda e del calo dei costi, un numero sempre maggiore di aziende si è messo in evidenza per offrire servizi di lancio che rendono lo spazio più accessibile ed economico.

Una di queste società è la società di servizi per la fornitura di spazio Aevum, una start-up con sede in Alabama specializzata in veicoli di lancio autonomi (AuLV). Su 3 dicembre 2020, Aevum ha presentato il suo prototipo di veicolo, il RAVN-X. Una volta operativo, questo aereo spaziale suborbitale autonomo sarà in grado di inviare satelliti e altri piccoli carichi utili a Low Earth Orbit (LEO) in sole tre ore.

Il termine Aevum (derivato dalla parola latina per “età”) deriva dalla filosofia scolastica del Medioevo. In sostanza, si riferisce allo stato di esistenza vissuto dagli angoli, tra il regno temporale (dove vivono i mortali) e l’eternità (Dio in cielo). Nel contesto dell’aerospazio, si riferisce a LEO, la regione che si trova tra la Terra e lo spazio.

Il concetto di Aveum Ravn che dispiega il suo razzo lanciasatelliti. Credito: Aveum

Il RAVN-X è il loro primo sistema di consegna autonomo, un jet che misura circa due dozzine di metri di lunghezza (quasi 80 piedi) e decolla da una pista regolare. Come altri concetti di lancio aereo, il RAVN-X lancia satelliti utilizzando un piccolo razzo attaccato alla fusoliera ed è in grado di trasportare carichi utili tra i 100 e i 500 kg (libbre) di massa (il che lo rende ideale per il lancio di piccoli satelliti).

Ma soprattutto, il sistema è autonomo e può inviare satelliti a LEO senza bisogno di una rampa di lancio e di tutte le costose infrastrutture che ne derivano. La storia di Aevum è iniziata nel 2005 quando il fondatore e CEO Jay Skylus ha iniziato a studiare le barriere logistiche che impediscono il dispiegamento dei satelliti per le comunicazioni.

Skylus è stato particolarmente motivato ad affrontare questo problema a causa del modo in cui le comunicazioni in Afghanistan sono sempre state un problema. Avendo un fratello che presta servizio nelle forze armate americane, era preoccupato da come i problemi di comunicazione spesso portano alla perdita di vite umane. Questo problema riguarda anche le zone remote e/o sottosviluppate del mondo, dove le infrastrutture per internet e le telecomunicazioni semplicemente non esistono.

Con il tempo, Skylus era convinto che la democratizzazione dell’accesso allo spazio potesse colmare il divario tecnologico tra il mondo sviluppato e quello in via di sviluppo, permettere di ascoltare voci inedite e salvare molte vite. Entro il 2016, Skylus e i suoi colleghi fondarono Aevum, si assicurarono sponsorizzazioni aziendali e completarono la loro prima raccolta di fondi.

Nel 2017 è iniziato il processo di prototipazione del concetto Ravn, che ha portato a diverse iterazioni. È iniziato anche lo sviluppo di tutti i software e componenti necessari. Ad oggi, l’azienda ha ricevuto contratti militari per un valore di 1 miliardo di dollari, ma l’obiettivo a lungo termine è quello di facilitare il telerilevamento, la ricerca scientifica e le comunicazioni.

Per la loro prima missione, prevista per il 2021, la società eseguirà un contratto di 4,6 milioni di dollari per la US Space Force (USSF). Questo consisterà nel decollo del RAVN-X da Cecil Spaceport a Jacksonville, in Florida, e il lancio del Agile piccolo lancio operativo normalizzatore-45 (ASLON-45) – un piccolo satellite che ha lo scopo di migliorare gli avvisi di pericolo in tempo reale per l’aviazione militare statunitense (USAF) e l’USSF.

Il RAVN-X è ora uno dei diversi sistemi a razzo lanciati ad aria che sono emersi in risposta al mercato “smallsat”. Altri esempi sono Lanciatore di Virgin OrbitOneun razzo che viene lanciato da un jet della compagnia. Per il suo prossimo test di volo, Virgin Orbit lancerà una missione di rideshare (ELaNa-20), dove 14 CubeSats saranno dispiegati nell’ambito della NASA. Lancio didattico dei nanosatelliti iniziativa – attualmente, il la data di lancio è TBD.

E c’è Il sistema Pegasus di Northrop Grummanun razzo che viene lanciato da una nave passeggeri Stargazer L-1011 ed è in grado di trasportare carichi utili fino a 450 kg (1.000 libbre) a LEO. Questo sistema è in funzione dal 1990 e, come il sistema LauncherOne, si affida a veicoli pilotati per effettuare lanci aerei. Ciò significa che attualmente Aevum è l’unico sistema automatizzato.

http://www.nicoland.it/wp-content/uploads/2020/12/1608088126_890_Il-RAVN-X-e-un-nuovo-aereo-autonomo-progettato-per-il.jpg
Un test di caduta di un LauncherOne nel luglio del 2019. Credito: Orbita Vergine

Ma come analista senior Phil Smith di Spazio e tecnologia Bryce (una società di analisi e consulenza ingegneristica) ha detto, RAVN-X fa ancora parte di un mercato sempre più affollato – con oltre 100 veicoli di lancio smallsat in fase di sviluppo. “C’è una pletora di sistemi là fuori”, ha detto ha detto. “Non c’è spazio per più di tre o cinque persone circa”.

Per questo motivo, Aevum e il suo RAVN-X avranno il loro lavoro da svolgere, e il successo dipenderà dalla loro capacità di ridurre i costi assicurando che i loro droni siano riutilizzabili. Mentre i razzi booster sono sacrificabili e si bruciano nell’atmosfera, il velivolo RAVN-X è stato progettato pensando al riutilizzo. Skylus ha indicato che l’obiettivo per la sua compagnia è quello di ridurre i costi a poche migliaia di dollari al chilo.

Questo è paragonabile a quello che SpaceX ha ottenuto con il Falco 9 razzo, che può lanciare carichi utili a LEO per circa $2.720 al kg (con un nuovo booster) o $2.200 (con un booster riutilizzato). Nel frattempo, il Falco Pesante può inviare carichi utili a LEO per 1.410 dollari, a condizione che tutti e tre i booster siano recuperati e riutilizzati. Il RAVN-X consente inoltre una maggiore flessibilità di lancio e un controllo più preciso delle orbite.

Le aziende come Laboratorio Rocket sono in grado di fornire questi benefici utilizzando i loro Razzi elettronicima al costo di 20.000 dollari al kg. Per fortuna, l’azienda ha sviluppato un processo di recupero a mezz’aria per recuperare i booster del primo stadio spesi e riutilizzarli. In conclusione, la crescita del mercato dei piccoli satelliti e la proliferazione di servizi di lancio a basso costo assicura che LEO sarà un luogo molto redditizio (e affollato) nei prossimi anni!

Assicuratevi di guardare questo video dell’inaugurazione del RAVN-X, per gentile concessione di Aevum:

Ulteriori letture: Sciencemag