Attenzione Astronauti. I Ravanelli freschi sono ora nel menu

Attenzione Astronauti. I Ravanelli freschi sono ora nel menu

I ravanelli sono un cibo che divide – la maggior parte delle persone li ama o li odia. Tuttavia, sono molto facili da coltivare, e sono stati coltivati in uno degli ambienti più inospitali di tutti: la Stazione Spaziale Internazionale.

La parte particolare della ISS che ha prodotto questo raccolto di ravanelli non è particolarmente inospitale rispetto al vuoto senza calore che si trova a pochi metri di distanza. Il sito Habitat Vegetale Avanzato, gestito dalla NASA e si trova nella sede dell’ESA Colombo modulo, è stato appositamente progettato per essere amichevole per le piante. In passato il modulo è cresciuto fresco verdisia per l’autoconsumo degli astronauti che per i test sulla Terra.

Ravanelli in situ nell’Advanced Plant Habitat
Credito: Kate Rubins / NASA

Il modulo non è una serra qualsiasi. Il sistema è in gran parte autonomo con 180 sensori e telecamere che ritrasmettono le informazioni direttamente a Kennedy Space Center. Un team controlla la crescita delle piante, il consumo di acqua, la temperatura e i livelli di umidità. Ha anche un “effetto discoteca” unico per gli astronauti di notte, quando la concentrazione di luce rossa e blu che è stato mostrato per essere più sano per le piante si traduce in una colorazione rosa tenue dell’habitat circostante.

Quel rosa si abbina perfettamente con quel cibo che sta crescendo nell’Habitat, e il primo set è stato raccolto il 30 novembre. Sfortunatamente (o fortunatamente?) per i residenti della stazione spaziale, non ci sono state prove di gusto – astronauta Kate Rubins Mettere i ravanelli in una cella frigorifera in attesa di una missione di rifornimento SpaceX per un viaggio di ritorno sulla Terra all’inizio del 2021. C’è anche una coltura di controllo che è stata piantata a terra in condizioni “quasi identiche”. Sono stati raccolti ieri e saranno confrontati con quelli coltivati nella microgravità della ISS.

Astronauta che galleggia nel modulo Columbus immerso in una morbida luce rosa.
L’astronauta Alexander Gerst si crogiola nel bagliore rosa delle luci della grow del modulo Columbus di notte sulla ISS.
Credito: ESA / NASA

Il team che ha condotto questi esperimenti paralleli è stato guidato da Karl Hasenstein dell’Università della Louisiana a Lafayette. È stato assistito da team di alcune organizzazioni commerciali, tra cui Techshot e il Sierra Nevada Corporation.

Tutto questo sforzo si è concentrato su quello che sul campo sarebbe stato un obiettivo relativamente semplice: coltivare dei ravanelli. Gli ortaggi a radice commestibile sono stati raccolti per questo esperimento per alcuni motivi, non semplicemente perché piacciono agli astronauti residenti. Un vantaggio dei ravanelli è il loro breve ciclo di crescita. Ma, cosa ancora più importante, sono geneticamente molto simili a una delle piante più studiate nello spazio: Arabidopsiso rockcress, uno degli organismi modello utilizzati per lo studio della biologia vegetale.

Timelapse dei ravanelli che crescono sulla ISS.
Credito: NASA

Il crescione non è particolarmente buono da mangiare, quindi i ravanelli sono stati scelti come versione più amichevole e commestibile per gli altri residenti sulla ISS. Non saranno però le ultime piante a crescere nel modulo Advanced Plant Habitat. Infatti, la prossima serie di ravanelli è già in programma di entrare nel modulo Advanced Plant Habitat per un secondo ciclo dello stesso esperimento. Gli astronauti continueranno a vedere il tenue bagliore rosa delle luci di crescita ancora per un po’ di tempo.

Per saperne di più:

NASA – Gli astronauti coltivano ravanelli in un secondo esperimento avanzato di habitat vegetale
NASA – Gli astronauti raccolgono il raccolto di ravanelli sulla Stazione Spaziale Internazionale
ESA – Piatti radicali nello spazio
Spacecenter.org – Missione Lunedì – Ravanelli in crescita nello spazio

Lead Image Credit: L’astronauta Kate Rubins mostra il raccolto di ravanello che è in grado di raccogliere. Credito: ESA / NASA