Lubrificare le parti meccaniche del motore: guida ai lubrificanti e al loro utilizzo

I lubrificanti proposti dalla Tecnolubeseal sono di vari tipi con caratteristiche diverse a seconda dell’utilizzo che se ne vuole fare. Si possono ad esempio, usare per lubrificare le catene di trasmissione delle automobuili oppure i cuscinetti volventi, ma il loro utilizzo non si ferma qui. I campi sono davvero vasti visto che possono lavorare a temperature di esercizio sopra la norma ed in condizioni non sempre ottimali. Alcuni ambienti possono risultare polverosi oppure eccessivamente intrisi di umidità. Ultimamente, sono stati creati anche degli spray secchi che sono in grado di lavorare a temperature ancora più elevate e sono ottimi come prodotto antifrizione. Sono perfetti per agevolare lo scorrimento tra le parti e per proteggere i metalli dalla corrosione. Sono inoltre, una validissima alternativa rispetto alle paste antigrip. Racchiudono in loro stessi anche un certo grado di economicità, infatti, oltre ad avere delle proprietà ottime come lubrificanti a secco, sono anche poco dispendiosi. Tra gli altri lubrificanti che troviamo nella lista della Tecnolubeseal, abbiamo molteplici tipi che coprono ampi range di temperatura. Lo Spry Dry Boiron ad esempio, arriva fino a 1200 gradi Celsius. Probabilmente da questo punto di vista è uno tra i migliori lubrificanti ad alte temperature in commercio. Unito al Nitruro di Boro, ha ottime capacità antifrizione e si asciuga velocemente all’aria. Da non dimenticare che il valore minimo della sua temperatura di esercizio è pari a -180 gradi. A seguire lo Spry Dry Graf che è a base di polveri di Grafite. Questo lubrificante può arrivare a sopportare temlerature pari i 600 gradi. Lo Spray Rusty 13 viene utilizzaro anche per lavorazioni a stretto contatto con il mare. Si tratta di un aerosol che viene effettuato sulle parti metalliche o plastiche e viene rimosso con grande facilità. Anche questo crea una sorta di film protettivo ed anticorrosivo sulle zone in cui viene spruzzato. Lo spray Silicone 300 è appunto fatto di questa sostanza ed è perfetto per gli elastomeri. Riesce a coprire un range che va da -40 a circa 200 gradi. Anche in questo settore, così specifico, la Tucnolubeseal è ai primi posti. Continua a creare spray e lubrificanti innovativi a prezzi davvero concorrenziali. Andando avanti negli anni, servirà sempre meno prodotto per avere lo stesso film protettivo su parti metalliche, elastomeri e materiali plastici. Seguire le vicissitudini di questa particolare azienda è facile, basterà collegarsi al suo sito e vedere tutte le parti di cui è composta.

Be the first to comment on "Lubrificare le parti meccaniche del motore: guida ai lubrificanti e al loro utilizzo"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*