Come scegliere un cercametalli

Chi si avvicina per la prima volta al settore hobbistico del metal detecting non ha di certo le giuste competenze per scegliere un metal detector.

Ne esistono diversi modelli e sono davvero tante le aziende che, in tutto il mondo, si occupano della produzione di questi particolari tipi di articoli.

Il termine metal detector viene tradotto in italiano come cercametalli in quanto questi articoli sono in gradi di effettuare una ricerca mirata verso tutti gli oggetti metallici. Il loro funzionamento varia a seconda del modello scelto ma il principio di base che li accomuna è sempre lo stesso: un metal detector individua un metallo grazie alle onde elettromagnetiche.

Alcuni cercametalli permettono, grazie a delle funzioni molto avanzate, di eliminare dalle proprie ricerche alcuni particolari tipi di metallo. Questa operazione diventa molto utile se ci si trova ad usare un prodotto di questo genere in zone dove vi sono troppi residui di materiale ferroso.

Se ad esempio si utilizza un cercametalli all’interno di una vigna è molto facile ritrovare i filamenti di ferro filato. Il metal detector suonerebbe continuamente e non sarebbe possibile trovare altro all’infuori del ferro.

La funziona chiamata “discriminazione dei metalli”, di cui solo i migliori metal detector sono dotati, permette al ricercatore di discriminare, e quindi di non ricercare, i metalli indesiderati. Se quindi non si vuole effettuare una ricerca del ferro basterà discriminarlo per fare a meno di ritrovarlo lungo il proprio percorso.

Ma quali sono i modelli migliori che si consiglia di acquistare? Partiamo dal presupposto che è sempre meglio non affidarsi ai modelli poco conosciuti, si dovrebbe quindi abbandonare completamente l’idea di acquistare quei metal detector cinesi che si possono comprare con pochi euro su eBay e siti simili.

Le marche maggiormente conosciute sono la Fisher, la Garrett, la Teknetics, la Nokta, la Makro, la Xp e la Minelab. Per ciascuna marca esistono tanti diversi modelli che rispondono alle esigenze dei vari ricercatori, variando per la fascia di prezzo e per le potenzialità offerte.

Esistono, ad esempio, diversi modelli di fascia bassa, metal detector per principianti, indicati vivamente per tutte quelle persone che si avvicinano al metal detecting per la prima volta nella loro vita.

Per i novizi si consigliano infatti tutti quei modelli semplici da utilizzare, definiti anche con il nome di entry level. Sono dotati di meno funzioni ma garantiscono comunque delle belle soddisfazioni, soprattutto se utilizzati nella sabbia asciutta dove, solitamente, è facile reperire delle monetine, in euro, perse dai bagnanti durante la stagione estiva.

Tra i modelli entry level si consigliano i Fisher F11 e F22, ove possibile nel budget si consiglia anche il Fisher F44. Per quello che riguarda la Garrett si consigliano invece i modelli 300i e 400i. Per la Teknetics i migliori modelli di cercametalli per principianti sono l’Alpha 2000 e l’Eurotek Pro.

Riteniamo poco utilie partire sin da subito con l’acquisto di un modello professionale che costi più di 500€. Meglio avvicinarsi a questo hobby un po’ per volta e solo dopo aver appurato che potrebbe essere il giusto sport, passare ad un modello con migliori prestazioni.

Be the first to comment on "Come scegliere un cercametalli"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*