Si può effettivamente vedere l’onda della Via Lattea quando si mappa le sue stelle

Si può effettivamente vedere l'onda della Via Lattea quando si mappa le sue stelle

Le galassie a spirale sono uno dei tipi di galassie più comunemente conosciuti. La maggior parte delle persone le considera come grandi dischi rotondi e sanno che la nostra Via Lattea è annoverata nel loro numero. Quello che la maggior parte delle persone non si rende conto è che molte galassie a spirale hanno un tipo di effetto deformante che, se le si guarda di lato, può far sembrare che stiano formando un’onda. Ora gli scienziati, guidati da Xinlun Chen all’Università della Virginia, hanno studiato milioni di stelle nella Via Lattea e hanno iniziato a sviluppare l’immagine di un'”onda” che attraversa la nostra galassia.

Dal momento che gli esseri umani non sono attualmente in grado di visualizzare il Via Lattea in un’ottica di orientamento, devono ricorrere a metodi di forza più bruta per sviluppare modelli su ciò che, se esiste, l’onda che ha la nostra galassia. Fortunatamente, gli scienziati hanno ora gli strumenti per farlo, sotto forma di Sloan Digital Sky Sondaggio e ESA Gaia satellite.

La “Galassia Integrale” è una delle galassie a spirale con la curvatura più visibile.
Credito: DICHIARAZIONI

Il metodo utilizzato dalla squadra è stato quello di cercare di identificare e tracciare i movimenti del maggior numero possibile di stelle. Per fare questo, hanno usato l’esperimento di evoluzione galattica dell’Osservatorio dei punti apache (APOGEO) spettrografo, che fa parte del SDSS. Questi dati preliminari hanno permesso di esaminare sia le composizioni chimiche che i movimenti di centinaia di migliaia di stelle. Sebbene questi dati di movimento siano stati utili per iniziare a formare il quadro dell’onda della Via Lattea, non sono stati sufficienti a completarlo.

Erano necessari ulteriori dati, che sono stati forniti da Gaia – distanze dettagliate a quelle centinaia di migliaia di stelle. La combinazione dei dati di distanza con i dati di movimento ha permesso alla squadra di costruire una mappa 3D completa della Via Lattea, o almeno una buona approssimazione di quella che può essere costruita all’interno dei suoi confini.

SDSS video YouTube che mostra il salvataggio nella galassia.
Credito: canale YouTube SDSS

Ciò che quella mappa è in grado di mostrarci è l'”onda” che è presente in tante galassie a spirale è presente anche nella nostra, anche se non è così prevalente come altrove. Un’altra scoperta ricavata da questa serie di dati è che l’onda stessa migra in tutta la galassia, circumnavigando la galassia circa una volta ogni 440 milioni di anni.

Molti fattori avrebbero potuto causare un’onda così lunga e in continua propagazione. Ma il team ipotizza che una collisione teorizzata con una precedente galassia satellitare circa 3 miliardi di anni fa abbia causato l’ondulazione originale. Essa si è poi mantenuta in moto molto tempo dopo che la forza d’innesco si era dissipata, e continuerà a farlo ancora per molto tempo. Forse sarà abbastanza a lungo da permetterci di inviare una sonda al di fuori della galassia per poter osservare l’onda della Via Lattea da un punto di vista privilegiato.

Per saperne di più:
SDSS – La Via Lattea fa l’Onda
Newsweek – Qualcosa sembra essersi scontrato con la Via Lattea e ha creato un’enorme onda nell’aereo galattico
UT – Un’onda enorme sta passando attraverso la Via Lattea scatenando nuovi vivai stellari
UT – Questo cerchio distorto è in realtà una galassia che sembrava molto simile alla Via Lattea, poco dopo il Big Bang

Credito di immagine principale: Adrian Price-Whelan / 2mass