Ora abbiamo una mappa 3D delle 525 nane brune più vicine

Ora abbiamo una mappa 3D delle 525 nane brune più vicine

Zooniverse tira fuori il meglio di internet – fa leva sulle abilità della gente media per eseguire imprese scientifiche che sarebbero impossibili altrimenti. Uno dei compiti che un progetto di Zooniverse chiamato Backyard Worlds: Planet 9 ha lavorato su ha ora portato ad un documento che cataloga 525 nane brune, compresi 38 mai documentati prima.

Le nane brune sono un tipo di oggetto sub-stellare – fondamentalmente non hanno abbastanza massa per avviare la fusione nucleare e diventare una stella, ma sono molto più grandi di un tipico esopianeta. Dato che non emettono luce propria, sono notoriamente difficili da rilevare se non con i telescopi più sensibili.

Concetto d’artista di una nana bruna, inclusa un’atmosfera nuvolosa.
Credito: NASA / ESA / JPL

Questi telescopi includono una varietà gestita sia dalla NSF che dalla NASA, tra cui il DESI Legacy Imaging Survey, che mescola immagini da diverse fonti, il Victor M. Blanco Telescopio da 4 metri, e il Telescopio spaziale Spitzer. Questi sono stati messi insieme usando Astro Data Lab, uno strumento del NSF NOIRLab Community Science and Data Center. I dati compositi sono stati poi forniti agli oltre 100.000 volontari che sono membri di Backyard Worlds: Planet 9. Originariamente la collaborazione ha portato alla scoperta di oltre 100 nuove nane brune l’anno scorso. Ora ne ha trovate altre 65, e molto probabilmente ce ne sono altre che si nascondono nelle risme di dati già raccolti.

Gli scienziati hanno a lungo guardato alle nane brune come eccellenti casi di prova per la formazione di stelle e pianeti. Più cose capiamo di questi oggetti unici, meglio possiamo capire i loro cugini più grandi e più piccoli. Ecco perché avere un catalogo di 525 di loro è un risultato importante. Inoltre, il team di ricerca, guidato da J. Davy Kirkpatrick del CalTech, ha preso i dati di distanza raccolti sulle nane brune e ha creato una mappa 3D della loro posizione rispetto alla Terra.

Video della mappa 3D che gli scienziati hanno creato delle nane brune vicine.
Credito: NASA/ Jacqueline Faherty (American Museum of Natural History) / OpenSpace

La mappa si estende fino a circa 65 anni luce dalla Terra, e fornisce una visualizzazione spettacolare della popolazione di stelle brune più vicine alla Terra. Secondo gli autori dell’articolo, fornisce anche la prova di un punto di dati “intrigante”: che l’area entro una bolla di 7 anni luce intorno alla Terra ha una popolazione di oggetti molto più varia rispetto al resto della galassia. Le nane rosse sono il tipo di stella più comune nella Via Lattea, ma intorno al Sole c’è una cornucopia di stelle di diverse dimensioni, che vanno dalle stelle simili al sole alle più piccole nane brune che erano il centro di questo studio.

Ciò che questa unicità potrebbe significare per la formazione stellare o planetaria nel nostro quartiere locale non è ancora chiaro. Ma se c’è una cosa che può essere certa con il continuo successo di Zooniverse è che fino a quando ci saranno dati da analizzare, ci sarà un gruppo di scienziati cittadini disposti a passarli al setaccio, così come ricercatori professionisti per aiutarli.

Per saperne di più:
NSF: Mappare il cortile del nostro sole
NASA: Gli scienziati cittadini aiutano a creare una mappa 3D del vicinato cosmico
Space.com: Gli scienziati cittadini creano una mappa 3D delle nane brune nelle vicinanze del nostro sole
UT: Nana bruna scoperta per la prima volta con un radiotelescopio