Il 2020 è l’anno più caldo del mondo

Il 2020 è l'anno più caldo del mondo

Secondo molteplici fonti – che includono la NASA, il NOAA, il gruppo di ricerca Berkeley Earth e il Met Office Hadley Centre (Regno Unito) – le temperature globali negli ultimi anni sono state tra le più calde mai registrate. Questo è il risultato diretto di fattori antropogenici come la sovrappopolazione, l’urbanizzazione, la deforestazione e l’aumento delle emissioni di gas serra (come l’anidride carbonica e il metano).

Secondo un recente comunicato stampa dalla NASA, in termini di temperature globali, il 2020 è stato l’anno più caldo da record – di fatto legandolo al 2016 (il precedente detentore del record). Il comunicato include un video drammatico che illustra gli aumenti di temperatura media dal 1880 e le crisi ecologiche che hanno avuto luogo proprio in quest’ultimo anno. Questo è un altro avvertimento di come l’azione dell’uomo sta influenzando i sistemi da cui dipendiamo per la nostra sopravvivenza.

Nel complesso, la temperatura media della Terra è aumentata di più di 1,2 °C (2 °F) dal 1880. Secondo il rapporto della NASA Istituto Goddard per gli studi spaziali(GISS) analisi della temperatura – nota come GISTEMP – la temperatura media globale per il 2020 era 1,02 °C (1,84 °F) più calda rispetto alla linea di base 1951-1980. Questo è coerente con la tendenza al riscaldamento a lungo termine e colloca il 2020 appena un po’ più avanti del 2016, legando effettivamente i due per l’anno più caldo da record.

Questa analisi combina le misure di temperatura della superficie e del mare da più di 26.000 stazioni meteorologiche e migliaia di strumenti basati su navi e boe. Insieme a un algoritmo che corregge la diversa spaziatura delle stazioni di temperatura e gli effetti del riscaldamento urbano, il risultato finale è una stima delle temperature medie globali da un periodo di riferimento dal 1951 al 1980 – con un margine di errore di 0,05 °C (0,1 °F) e un livello di fiducia del 95%.

Motivo di preoccupazione

Come direttore del GISS Gavin Schmidt ha spiegato, le registrazioni annuali non sono quasi come le tendenze a lungo termine, che sono state preoccupanti:

“Gli ultimi sette anni sono stati i sette anni più caldi mai registrati, caratterizzando la tendenza al riscaldamento continuo e drammatico. Che un anno sia un record o meno non è così importante – le cose importanti sono le tendenze a lungo termine. Con queste tendenze, e con l’aumento dell’impatto umano sul clima, dobbiamo aspettarci che i record continuino ad essere battuti”.

Le temperature globali sono un indicatore critico di come il nostro clima stia cambiando nel tempo a causa dell’impatto dell’umanità sull’ambiente naturale. Il loro aumento medio nel tempo è ciò che ha portato a fenomeni come la diminuzione degli strati di ghiaccio, l’aumento del livello del mare, la scomparsa delle falde acquifere e la siccità, gli incendi, le ondate di calore prolungate, l’aumento delle tempeste, le epidemie e l’estinzione delle specie.

A analisi separata e indipendente dal Amministrazione Nazionale Oceanica e Atmosferica (NOAA) ha concluso che il 2020 è stato il secondo anno più caldo nel loro record, dietro il 2016. Gli scienziati della NOAA usano molti degli stessi dati grezzi di temperatura nella loro analisi, ma hanno un periodo di riferimento diverso (1901-2000) e una metodologia diversa. A differenza della NASA, il NOAA non deduce le temperature nelle regioni polari senza osservazioni, il che spiega gran parte della differenza tra i record della NASA e del NOAA.

Anomalie annuali di temperatura (1880 – 2019) come registrato dalla NASA, NOAA, il gruppo di ricerca Berkeley Earth e il Met Office Hadley Centre. Crediti: NASA GISS/Gavin Schmidt

Comprendere le tendenze climatiche a lungo termine non è solo essenziale per educare il pubblico sul cambiamento climatico e sviluppare soluzioni. È anche cruciale per lo sviluppo di strategie di crisi e l’adattamento alle mutevoli condizioni ambientali, il che può significare piantare colture diverse, gestire le risorse idriche e prepararsi a eventi meteorologici estremi.

Tendenze annuali

Mentre la tendenza a lungo termine è stata coerente (con aumenti complessivi), una varietà di eventi contribuirà alle temperature medie di un dato anno. Per il 2020, si sono verificati due eventi che hanno limitato la quantità di luce solare che ha raggiunto la superficie terrestre. Il primo è stato l’incendio del bush australiano che ha imperversato per mesi e ha bruciato 46 milioni di acri di terra, rilasciando fumo e particolato a più di 30 km di altezza nell’atmosfera.

Questo evento ha limitato la quantità di luce solare che raggiunge la parte bassa dell’atmosfera e probabilmente ha provocato un leggero raffreddamento. Il secondo fattore è stata la pandemia di COVID-19, che ha portato a una marcata riduzione dell’inquinamento atmosferico in alcune parti del mondo, che ha permesso alla luce del sole di raggiungere la superficie (quindi, riscaldandola).2 le concentrazioni hanno continuato ad aumentare quest’anno, mantenendo la tendenza a lungo termine.

Le temperature variano anche di anno in anno, grazie a una serie di fattori ambientali. Il più grande è di solito il Oscillazione El Nino-Sud (ENSO), un ciclo naturale in cui il calore viene scambiato tra l’oceano e l’atmosfera nell’Oceano Pacifico centrale e orientale. Questo permette all’acqua calda e all’aria di spostarsi dal Pacifico occidentale verso le Americhe e riduce la risalita di acque più fredde e ricche di nutrienti dalle profondità.

Anidride carbonica nell’atmosfera terrestre se metà delle emissioni di riscaldamento globale non vengono assorbite. Credito: NASA/JPL/GSFC

Quest’anno, l’ENSO si è concluso con una fase fresca, ma è iniziato con una fase leggermente calda che ha portato a un leggero aumento complessivo delle temperature medie. Ha detto Schmidt:

“Il precedente anno caldo record, il 2016, ha ricevuto una spinta significativa da un forte El Nino. La mancanza di un simile aiuto da parte di El Nino quest’anno è la prova che il clima di fondo continua a riscaldarsi a causa dei gas serra.”

Variazioni regionali

È anche importante riconoscere che i dati GISS rappresentano le temperature superficiali mediate su tutto il pianeta per l’intero anno. Questo per dire che i modelli meteorologici regionali hanno un effetto e che le variazioni di temperatura nel 2020 erano diverse a seconda del luogo. Significa anche che a lungo termine, alcune parti del globo si stanno riscaldando più velocemente di altre.

Per esempio, l’analisi del GISTEMP mostra che la regione artica si è riscaldata tre volte più velocemente del resto del globo negli ultimi 30 anni, il che ha portato a maggiori livelli di scioglimento del ghiaccio marino. L’area minima di ghiaccio marino nell’Artico sta attualmente diminuendo di circa il 13% all’anno, il che porta la regione a diventare meno riflettente e l’oceano ad assorbire più sole.

Questo è ciò che guida l'”amplificazione artica”, un processo in cui gli oceani assorbono più luce solare, causando un ulteriore aumento delle temperature, che porta a un ulteriore scioglimento, all’aumento del livello del mare, alla perdita di permafrost nel Circolo Polare Artico e a incendi artici più intensi. È quindi importante capire che un aumento medio globale di pochi gradi non significa che la tendenza al riscaldamento sia irrilevante.

Per ulteriori informazioni sulla serie completa di dati della NASA sulla temperatura della superficie e sulla metodologia utilizzata, controllare il sito della NASA GISS Surface Temperature Anaylsis sito.

Ulteriori letture: NASA