Anche la capsula campione di Hayabusa 2 di Outside of Hayabusa 2 contiene detriti di asteroidi

Hayabusa 2 artwork

Il 5 dicembre 2020, l’Agenzia giapponese per l’esplorazione aerospaziale (JAXA) Hayabusa 2 La missione ha inviato una capsula campione contenente i detriti dell’asteroide vicino alla Terra (NEA) 162173 Ryugu. Questo è stato il culmine dei primi sei anni di permanenza nello spazio della sonda, che è stata lanciata nel dicembre 2014 e si è incontrata con Ryugu nel giugno 2018. Mentre la sonda punta i suoi nuovi obiettivi, gli scienziati saranno impegnati ad analizzare il campione di Ryugu.

Una cosa che hanno notato subito dopo aver aperto la conchiglia lunedì (21 dicembre)st) era la polvere nera e sabbiosa che rivestiva il guscio esterno della capsula. Secondo un dichiarazione rilasciata da JAXAla sabbia nera è materiale prelevato dalla superficie di Ryugu. Considerando ciò che si trova all’interno della camera campione A, sembra che la quantità di materiale ottenuto da Hayabusa 2 è più sostanziale di quanto si pensasse.

Questa scoperta arriva appena una settimana dopo il ritorno sulla Terra della capsula di rientro della missione. Essa e il campione che conteneva sono stati recuperati a Woomera, in Australia, il 6 dicembre 2020, dopo essere entrati nell’atmosfera e aver creato una vena luminosa nel cielo. Entro l’8 dicembre, la capsula è stata consegnata al JAXA Sagamihara Campus, dove i tecnici hanno iniziato il processo di rimozione accurata del campione.

Questa fotografia pubblicata dalla Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA) mostra dei granelli di sabbia nera (R) raccolti dall’asteroide Ryugu. Credito: JAXA

Il 14 dicembreL’agenzia ha confermato in una dichiarazione che un campione di granelli di sabbia nera che si pensava provenisse dall’asteroide è stato trovato all’interno del contenitore del campione. A quanto pare sono stati attaccati all’ingresso del campionario, il contenitore in cui erano conservati i campioni. JAXA ha anche rilasciato un’immagine dell’aspetto del materiale fuligginoso (mostrato sopra). Mentre dichiarato:

“JAXA ha confermato che i campioni derivati dall’asteroide Ryugu sono all’interno del contenitore del campione. Siamo stati in grado di confermare particelle nere, simili alla sabbia, che si ritiene derivino dall’asteroide Ryugu. Continueremo il nostro lavoro per aprire il recuperatore di campioni all’interno del contenitore di campioni. L’estrazione del campione e la sua analisi saranno effettuate.

Il giorno dopo, JAXA ha rilasciato due dichiarazioni. La prima conferma annunciata che i campioni ottenuti provenivano dall’asteroide Ryugu. La seconda affermazione condivide i risultati di un analisi eseguite su gas che era presente anche nel contenitore del campione A. Dopo aver condotto prove di spettrometria di massa presso il Quick Look Facility (QLF) – che è stato stabilito il 7 dicembre, 2020 presso il quartier generale locale di Woomera – JAXA ha confermato che il gas ha avuto origine dall’asteroide.

Per confermare i risultati iniziali, un’analisi simile è stata condotta al Centro di cura dei campioni extraterrestri (ESCuC) sul JAXA Sagamihara Campus il 10 dicembre e 11. Questi test hanno prodotto lo stesso risultato, indicando che i gas sono effettivamente il risultato di materiale ottenuto come parte del campione di Ryugu che si è sublimato durante il trasporto di ritorno sulla Terra.

http://www.nicoland.it/wp-content/uploads/2020/12/Anche-la-capsula-campione-di-Hayabusa-2-di-Outside-of.png
Esempio di struttura del contenitore. Credito: JAXA

Questa è la prima volta che un campione restituito include materiale proveniente dal profondo di un oggetto dello spazio profondo, per non parlare del materiale di tale oggetto che era allo stato gassoso. JAXA ha anche indicato nel loro seconda dichiarazione che il team di analisi continuerà ad esaminare il campione gassoso ed eseguirà “un’analisi dettagliata della composizione molecolare ed isotopica del gas raccolto”.

Nel frattempo, JAXA “continuerà ad aprire le camere del campione B e C all’interno del contenitore del campione, e il campione sarà rimosso e analizzato dal gruppo di cura e dal team di analisi iniziale”. hanno detto. Questi campioni includono sia la polvere superficiale che il materiale incontaminato proveniente da sotto la superficie, che è stato spinto in alto da un dispositivo d’urto sparato dalla sonda (che era essenzialmente una testata anticarro).

Mentre era in orbita intorno a Ryugu, Hayabusa 2 ha anche dispiegato quattro piccoli rover – tra cui MASCOT e Minerva-II – sulla superficie dell’asteroide per indagare e analizzare il contesto geologico dei campioni raccolti. A causa della gravità minima e delle superfici estremamente irregolari coinvolte, questi rover sono stati progettati per saltellare in giro piuttosto che affidarsi a gambe, ruote o battistrada.

Questi campioni sono il nostro primo assaggio di una missione di ritorno del campione che era in fase di realizzazione da sei anni e il successore della Hayabusa che si è incontrato con l’asteroide Itokawa nel settembre del 2005 e ne ha restituito un campione alla Terra entro giugno 2010. Allora e adesso, lo scopo di queste missioni è quello di studiare il materiale rimasto dalla formazione del Sistema Solare (che è ciò che sono essenzialmente gli asteroidi).

http://www.nicoland.it/wp-content/uploads/2020/12/1609027368_304_Anche-la-capsula-campione-di-Hayabusa-2-di-Outside-of.png
Interno della camera di campionamento A. Credito: JAXA

Oltre a rivelare cose sui primi periodi del Sistema Solare, la superficie e l’interno di questi asteroidi sono anche un record della sua successiva evoluzione negli ultimi 4,5 miliardi di anni. Per ottenere campioni da Ryugu, Hayabusa 2 ha dovuto percorrere circa 300 km (200 milioni di miglia) dalla Terra per incontrarsi con il NEA Ryugu mentre passava oltre l’orbita terrestre.

Una volta che tutti i campioni di Hayabusa 2 saranno stati rimossi e analizzati, la metà di essi sarà condivisa tra JAXA, NASA e altre organizzazioni internazionali. Il resto sarà conservato per studi futuri, poiché i progressi della tecnologia consentono analisi e studi più dettagliati. Nel frattempo, Hayabusa 2 si sta muovendo verso il rendez-vous con i suoi prossimi obiettivi come parte dell’estensione della sua missione.

Questa estensione è stata concessa nel settembre del 2020 per includere l’asteroide ricco di tholin (di colore rossastro) 2001 CC21 e la ricca d’acqua NEA 1998 KY26che si crede sia composto da materiale proveniente da più asteroidi che si sono scontrati in passato. La sonda farà dei flybys di questi asteroidi nel luglio del 2026 e nel luglio del 2031 (rispettivamente).

Oltre a rivelare cose sulla storia del nostro Sistema Solare, questi asteroidi ghiacciati potrebbero dirci come l’acqua era distribuita tra i pianeti miliardi di anni fa (rendendo così possibile la vita)!

Ulteriori letture: Phys.org, JAXA